CHE SPLENDORE

Anvedi che splendore,
ner cielo er sole brilla,
sur prato cò l amore
profuma de giuchiglia.
Sto monno tartassato
rimanna alla farfalla
la gioia de guarillo,
in barba ar passato.
No veleni, no morie,
soluzioni senza tante litanie.
Sò l’insetti,e ciumachelle,
li bacherozzi e li vermetti
tutti intenti a fà proggetti
pè salva l’aria pulita
de sta pora tera mia.
Sò le cose genuine
che te fanno campà bene,
quelle pure e naturali,
pè scaccia tutti li guai.
Sò tant^anni che ce sguazzo
st Universo tutto pazzo
e 33 me sò volati
alla JUST dedicati.

Luigina Petruzzi, Consulente (Roma)